Vrnjci Spa Serbia

L'offerta di Serbia

Serbia - la posizione geografica e la storia

Serbia occupa la posizione centrale della penisola balcanica e ha il suo territorio al centro di un passaggio perfetto di nord a sud: per questo è la sua posizione strategicamente importante.

Il territorio della Serbia a un importanza per 2000 anni. Sapevate che anche i 16 imperatori romani erano nati nel territorio della Serbia? Quella dell'imperatore, il più importante per lo sviluppo del cristianesimo, Costantino il Grande è nato a Naissus, oggi la città di Nish, ha permesso ai cristiani di confessare la loro fede liberamente. Testimoni per sei secoli delle terme romane sono strade, città, monumenti, antiche cisterne (Gamzigrad, Sirmio, Mediana); i loro resti, ora rinnovati, diventano l'attrazione turistica.

Grazie alla sua posizione geografica, la Serbia è anche un paese danubiano, perché il suo territorio abbraccia gran parte del Danubio, e un paese dell'Europa centrale, che si trova nel corridoio in cui le merci e la civiltà scorrevano tra l´Europa e l´Asia durante i secoli.


Serbia era già il "STATE" nel Medioevo tra i primi 30 paesi, alcuni paesi sviluppati non avevano uno state nel Medioevo. Il principe Stefan Nemania unisce a metà del XII secolo il tributo in uno stato serbo, chiamato Rachka.

La Serbia Unita esiste per duecento anni fino all'invasione dei Turchi. Poi, la Serbia diventa regno nel 1219. La chiesa serba diventa indipendente (dal bizantino) e autocefala, con Sava Patriarca alla testa; nel 1345 la Serbia diventa Impero, con l'imperatore Dushan alla testa. Queste sono le leggende di re, nobili, cavalieri di tempo di Nemanichi , che si trovano nei racconti e canti del popolo. Canzoni popolari serbe sono diventati noti grazie al poeta tedesco Johann Wolfgang Goethe, che le aveva tradotto in tedesco nel XIX secolo.

Serbia - I monasteri della Serbia

I monasteri della Serbia e la pittura serbo-bizantina del Medioevo sono noti in tutto il mondo. L'affresco del monastero Milecheva, famoso "Angelo Bianco" è stato trasmesso agli esseri potenziali dell'universo nel pacchetto ¨ conseguimenti degli abitanti della Terra ¨ come il segnale del primo satellite. Il pacchetto è composto da: l'uomo sulla luna, la muraglia cinese e l'Angelo Bianco. E 'stata una grande gratitudine espressa alla pittura medievale serba.

Serbia - lo Stato della Serbia

Lo stato modernizzato serbo è entrato in esistenza con la prima rivolta dei Serbi. La rivolta, guidata da Karadzordze, era scoppiata nel 1804. Il rinnovamento dello Stato ha cominciato subito, che significa che la Serbia ha uno Stato più di 200 anni. Dopo la prima rivolta, male finita, ha seguito l'insurrezione seconda sotto Milosh Obrenovitch, nel 1815. Obrenovitch dinastia ha messo Serbia, dopo 500 anni di dominazione turca, in libertà. E successo 6 Aprile 1867, quando l'ultimo muhafiz Belgrado, Ali Riza ha passato le chiavi di tutte le città al principe Mihailo in Serbia, dopo il Ferman del Sultano del 29 marzo è stata letta a Kalimegdan. Allora la Serbia sta finalmente indipendente, autonoma e libera.

Serbia in questo momento

Oggi la Serbia aspira à unirsi ai paesi europei, par la costruzione di una infrastruttura moderna, estendendo la sua cultura e sviluppando l'offerta turistica. I “brands” più popolari della Serbia sono GUTCHA e EXIT. Noi speriamo che il loro numero crescerà.

Serbia - la dimensione e la demografia

L'area della Serbia ammonta a 88361 km ² e il numero di abitanti a 7,4 milioni. Dopo la Romania è il paese più grande nel sud-est Europa. Serbia confina con l'Ungheria a nord, al nord-est con la Romania, con la Bulgaria ad est, a sud con la Macedonia, l´Albania e il Montenegro, al ovest con la Croazia e con la Bosnia -Erzegovina a sud-ovest. La capitale è Belgrado con 1,576,124 abitanti. Belgrado è il centro amministrativo e economico della Serbia.

La posizione della Serbia come un paese danubiano e un paese dell'Europa centrale, ha un grande significato per il suo sviluppo. Il Danubio, uno dei più grandi fiumi d'Europa, corre 588 km attraverso la Serbia; la Serbia è collegata par questa arteria a sette paesi europei.

Serbia - i complessi geografici

I fondamentali complessi geografici del rilievo sono: le pianure della Pannonia a nord, la zona inferiore del Choumadia centro e le zone di montagna ad ovest, sud e ad est della Serbia. Ci sono anche piccole aree di rilievo come le valli dei fiumi Drina e Timok.

La Serbia Vojvodina - posizione geografica e la storia

La Vojvodina è la parte piatta della Pannonia. Lei è un risultato dalle lotte degli imperi -romano, bizantino, turco e austro-ungarico. I tedeschi, ebrei, Zinzares, greci, armeni hanno costruito le loro case, dove già gli ungheresi, slovacchi, ucraini vivevano nelle pianure della Pannonia. Per questo è la genesi della Vojvodina così bella, e la sua eredità è così bella. Si stima che la lettura e la scrittura ha cominciato qui in Vojvodina. La prima scuola è stata fondata in Sremski Karlovci nel 1871, la Società Letteraria "Matice Srpska" è stata fondata nel 1826, il Teatro Nazionale serbo nel 1861. Origine della Vojvodina sono la Orféline celebre incisore, lo scrittore di commedie Jovan Popovic Steria, Mihailo Pupin lo scienziato, il pittore Uros Predic, poeti Jovan Jovanovic Zmaj e Miroslav Antic.

Il territorio della Vojvodina occupa 24,3% del territorio della Repubblica. Nel questo terreno pianeggiante ci sono solo due montagne: le montagne Gora Frouska e Vrchats, formando "isole" di un mare antico. Ci sono più di 30 monasteri su Froushka Gora. I fiumi - Il Danubio, la Sava, Tisa e Tamish, ricchi in acqua e navigabili, inumidiscono molti paesaggi e numerose isole; la vegetazione è abbondante, specialmente nelle reti sul Danubio.

Con un'agricoltura forte, il Vojvodina è ricco d'olio, gas, sorgenti calde e terme. Caccia e pesca o la pesca d'acqua dolce del fiume hanno un grande potenziale, ci sono tutelati parti delle nature come paludi e acquitrini, Pescara Deliblatska dove c'è una fauna rara e montagne di Vrchac e Frouchka Gora e loro ecosistemi forestali, con eccezionali opportunità ricreative.

La Serbia - Choumadia - posizione geografica e la storia

Situato nel centro di Serbia, Sumadija ha 9,5% del suo territorio, e confina con i due fiumi – Morava e Koloubara, entrambi i fiumi Sava e Danubio, e montagna Souvobor.

Si tratta di un piatto leggermente ondulato, in gran parte aperto al nord e nord-ovest. Il suo nome, registrato per la prima volta nel 1713 in una nota di Belgrado Mitropolie, significa "foresta", che allora erano di spessore, che copre una gran parte del suo territorio. Ci sono alcune fonti storiche che descrivono queste foreste all'inizio del XVI secolo.

Il Choumadia è bagnata da grandi fiumi, i valli di cui sono ampiamente aperti al Nord, ma è condiviso da piccoli fiumi. Il Choumadia è un grande complesso geografico naturale con un ottimo rapporto con i vicini, e una buona congiunzione in tutte le direzioni.

Si tratta di una regione che gode di un clima mite - un clima continentale temperato, ha una buona disposizone di pioggia, la terra è fertile. Possiamo dire che il Choumadia ha ancora la natura un ben conservata e bella, la produttività e la diversità. Ma anche la storia di questa regione diversificata richiama l'attenzione.

Il Choumadia è la regione della Serbia, dove la rivoluzione serba aveva cominciato: la prima insurrezione (Orachats, 1804), ed era la regione abitata da haîdoucs, eroi, dove c´erano dei costumi nazionali di un eleganza straordinaria, dove c'è l'acquavite di qualità e di purezza eccezionale - simbolo della regione.Anche i vini sono conosciuti . Ma i più grandi monumenti della storia della cultura serba e il patrimonio sono insoliti monasteri del Medioevo, anche il 12 secolo, vale a dire il periodo di Nemanichi.

Serbia - regioni montanari della Serbia

Le montagne abbracciano gran parte della Serbia e coprono notevolmente il suo territorio. Partono dalle pianure della Pannonia a nord, e terminano al confine del Montenegro, Albania e Macedonia. Loro sono condivisi con montagne Rodopes, Carpazi, Balcani e Dinara. Le montagne contengono una ricca vita turistica e culturale. Qui di seguito è citato quali sono le montagne che offrono al turista un contenuto il più ricco, ma altri non menzionati, non sono inferiori.

Serbia - Kopaonik montagna si trova nel cuore della Serbia 230 km a sud di Belgrado. Questa è la più grande montagna in Serbia. Ci sono alcune cime che superano i 1600 m nella parte più alta del massiccio, come Ravni Kopaonik con picchi Gobelia 1934 m, 1936 m Vutchak Karaman, Suvo rudiste 1976 m e 2017 m Pantchitchev vrh.

Serbia - Tara montagna, che si trova nella Serbia occidentale, appartiene ai Dinaridi, area interiore, e abbraccia l'area di 183 kmq. La sua lunghezza è di 50 km, larghezza 22 km, il livello medio del mare 1200 m, la vetta più alta, Kozyi Rog, 1591 m. Nel 1981, la montagna è stata proclamata Parco Nazionale.

Serbia - Zlatibor montagna, distanza 230 km da Belgrado, area 1000 km ², lunghezza 30 km, larghezza 15 km, la direzione delle montagne a nord-ovest - sud-est. Zlatibor si trova nello spazio tra i fiumi Lim, Bistrica, la città Nova Varoch e la regione Pechter. Il vertice con l'altezza Golo Brdo 1.627m. Grazie à la strada che parte di Belgrado, di cui la distanza è di 280 km, attraverso le montagne che conducono al mare, Zlatar è collegato con la capitale e la maggior parte del paese. Per le sue qualità naturali e l'aria benefico sul corpo umano, la montagna è stata proclamata nel 2006 una stazione climatica, par un regolamento del governo della Serbia. Per i suoi valori terapeutici,la montagna Zlatar è molto stimata.

Serbia - informazioni generali

Serbia - La religione
La maggior parte degli abitanti sono ortodossi. Una percentuale più piccola sono cattolici o musulmani, ci sono altre fedi.

Serbia - La lingua ufficiale
lingua serba - scrittura cirillica e latina

Serbia - Il valore
Ufficiale valuta Dinaro (RSD) (100 pari)

Serbia - Le celebrazioni di Stato
1-2 gennaio - Capodanno   15-16 FEBBRAIO - Giornata dello Stato   1-2 maggio - Festa del lavoro   9 maggio - Giorno della Vittoria

Le feste religiose
7 gennaio - il primo giorno del Natale ortodosso gli ortodossi Venerdì Santo fino al secondo giorno di Pasqua